COSIMO TERLIZZI

IL GIORNALE DELLE FONDAZIONI

2016

14.09.2016
Lo sguardo emo­tivo
inter­vista a cura di Andrea Bruciati

“Quale arma oggi l’artista può usare per ridestare una soci­età come la nos­tra, sot­to­posta a qual­si­asi tipo di sti­moli e quindi stordita? La provo­cazione nell’arte oggi ha un senso? Ora che la provo­cazione è quo­tid­i­ana, spregiu­di­cata, mass­me­di­at­ica, rac­capric­ciante… La provo­cazione che smuove le politiche inter­nazion­ali. La provo­cazione che cam­bia il volto, le car­tografie. La provo­cazione dell’orrore che ferma tutto. E ora che la provo­cazione è maledet­ta­mente inflazion­ata, che senso assume nelle pratiche artis­tiche con­tem­po­ra­nee?
Lo sguardo inno­cente dell’arte si è sporcato più volte; ora che le tor­ture ai poeti, ai bam­bini, agli inno­centi sono fol­lower… il grido che riso­nanza ha?”