COSIMO TERLIZZI

HOW TO…

2013

 

Nel vor­tice del web si può finire risuc­chiati oppure si può decidere di cav­al­carne le onde come il più bravo dei sur­fisti. Nella realtà dei tuto­r­ial ho trovato spunti per svilup­pare una per­for­mance in cui poter esaltare le poten­zial­ità di questo dif­fondersi di per­sone d’ogni nazion­al­ità che desider­ano inseg­nare cose; che met­tono a dis­po­sizione una loro conoscenza; la met­tono in scena davanti alla web­cam; la car­i­cano e le danno un nome che faciliterà la ricerca del cyber­nauta.
Nell’enorme oceano dei tuto­r­ial, bas­tano poche parole come “How to…” per com­in­ciare la ricerca di qual­cosa che vogliamo appren­dere in quel dato momento. Da questa popo­lare enci­clo­pe­dia del saper fare, ci si può atten­dere di tutto anche il modo di miglio­rarsi.
Con il ter­mine “soci­età liq­uida” (Zygmunt Bauman), si può anche inten­dere questa flu­id­ità e facil­ità estrema di pas­sare da una cosa all’altra senza spostarsi di un centimetro?

cour­tesy Traffic Gallery | per­former Damien Modolo | 25′

28.10.2013 | Centre for Contemporary Art Ujadowski Castel - Warsaw — Poland
a cura di (curated by) Fabio Cavallucci